Stop muffa e condensa! Ecco come eliminate il ponte termico dalla finestra con gli infissi giusti

Hai notato la presenza di umidità e muffa in casa, soprattutto nei punti più freddi vicino alle finestre? Questi segnali potrebbero indicare la presenza di un ponte termico, una problematica comune che favorisce la dispersione del calore e che compromette l’efficienza energetica della tua abitazione. Facile, quindi, intuire quanto sia necessario intervenire in modo tempestivo.

Vediamo, allora, cos’è e come eliminare il ponte termico della finestra, migliorando così il comfort e la salubrità dei tuoi ambienti domestici.

Cos’è il ponte termico e quali sono le conseguenze sul comfort domestico

In edilizia, con ponte termico ci si riferisce ad un punto di discontinuità nella struttura dell’edificio che diventa una via privilegiata per la trasmissione del calore, sulla quale si registra una maggiore dispersione termica rispetto alle aree circostanti.

Le cause possono essere diverse, come discontinuità costruttive, discontinuità di tipo geometrico in corrispondenza degli angoli, ma anche in prossimità di balconi, davanzali e finestre: in questo caso il ponte termico si forma tipicamente nei punti dove il telaio della finestra incontra il muro, o dove il vetro non è adeguatamente isolato. Queste aree diventano, quindi, punti di fuga per il calore in inverno e per il fresco in estate, portando a un aumento dei costi energetici e a una riduzione del comfort abitativo.

Inoltre, il ponte termico può favorire la formazione di condensa e muffa, compromettendo la qualità dell’aria interna.

Come eliminare il ponte termico della finestra?

Per eliminare il ponte termico di una finestra, è fondamentale capire qual è la causa specifica. Infatti, è possibile intervenire su diversi elementi.

Uno dei principali responsabili della formazione di un ponte termico sulla finestra è la presenza il davanzale che, se non correttamente isolato, permette il passaggio del freddo o del calore dall’esterno all’interno. In questo caso, è necessario tagliare la lastra del davanzale e inserire un materiale isolante tra le due parti, proprio come avviene negli infissi a taglio termico con doppio vetro.

Un altro elemento critico è il cassonetto delle tapparelle, spesso trascurato durante la sostituzione degli infissi.  Anche se questi garantiscono alte prestazioni energetiche, se non viene sostituito il cassonetto, si rischia di creare un ponte termico.

Spesso però, la soluzione migliore per eliminare il ponte termico dalle finestre, è sostituire gli infissi, soprattutto se questi sono datati e ormai inefficienti.

Quali infissi scegliere per evitare la formazione di ponti termici

Per proteggere la casa dal freddo, ma anche dal calore in estate, evitando la formazione di pericolosi ponti termici, è importante scegliere degli infissi di nuova generazione termoisolanti che garantiscano ottime prestazioni dal punto di vista termoacustico. Tra le caratteristiche che devono avere annoveriamo, senza dubbio, la presenza del doppio telaio e della doppia o tripla vetrocamera, ideata per arginare anche le temperature più rigide.

Ovviamente, il materiale riveste un ruolo chiave. I migliori infissi isolanti sono quelli realizzati in PVC o in alluminio a taglio termico, come quelli di Schuco che proponiamo presso gli showroom StoreLab: ad esempio, il Sistema Living per finestre in PVC è basato su una tecnologia a 7 camere con 82 cm per la profondità di telaio, dotato di sistema di tenuta e guarnizioni che coniugano elasticità e resistenza.

Ora che hai le idee più chiare su come eliminare il ponte permico dalla finestra, ma soprattutto su come prevenire la sua formazione, consulta il nostro sito per conoscere tutti i nostri prodotti innovativi, ma se desideri  ricevere informazioni dettagliate contattaci e un nostro operatore esperto sarà tua disposizione per consulenze e preventivi gratuiti.